The present document can't read!
Please download to view
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
...

Possopregeo10

by ezio

on

Report

Category:

Technology

Download: 0

Comment: 0

331,852

views

Comments

Description

Download Possopregeo10

Transcript

  • 1. <ul><li>progetto </li></ul><ul><li>P.O.S.S.O. </li></ul><ul><li>(Progetto Open Source Slide Opinion) </li></ul><ul><li>by </li></ul><ul><li>www.pregeo.it </li></ul><ul><li>Da un’idea</li></ul><ul><li>di Gabriele Levroni</li></ul><ul><li>ed Ezio Milazzo</li></ul><ul><li>per la didattica</li></ul><ul><li>e la formazione online </li></ul>PREGEO 10
  • 2. <ul><li>Nasce un nuovo concetto di condivisione della conoscenza mediante il progetto &quot;Open Source&quot; che innova il concetto della preparazione degli atti di convegni.Il progetto che per semplicità chiameremo POSSO (Progetto Open Source Slide Opinion) mette a disposizione della community delle slide che verranno modificate ed implementate da tutti coloro che vogliano condividere le conoscenze. </li></ul><ul><ul><li>Tutti coloro che vogliono collaborare ad implementare queste maschere debbono scaricare la presentazione dalDownloads di Pregeo.it ed inviare ine-mailal sottoscritto le sole diapositive modificate o implementate </li></ul></ul>
  • 3. <ul><li>Il programma è stato pubblicato il 12/10/2009 in fase sperimentale e dobbiamo cogliere l’occasione, più che soffermarci sulle problematiche del software, cercando di riconoscerelo sforzo che l’Agenzia del Territorio sta adoperandosi per automatizzare l’iter d’approvazione degli atti geometrici catastali. </li></ul><ul><li>Doverosamente detto questo passerei ad affrontare le tipologie oggi ammesse. </li></ul>PREGEO 10
  • 4. <ul><li>Come sapete le tipologie utilizzate per l’approvazione automatica Pregeo 10 vanno dall’ 1 al 34 </li></ul><ul><li>Bisogna dire innanzi tutto che il programma permette di elaborare gli atti geometrici sia in modalità P9, con le codifiche che conosciamo, sia con le tipologie classificate in modalità P10. </li></ul>
  • 5. <ul><li>Altra cosa da aggiungere riguarda la possibilità di usare l’estratto di mappa autoallestito con il P10. </li></ul><ul><li>Il programma consente di produrre e l’utilizzo dell’autoallestito, la procedura lo ammette, ma nel contempo ne inibisce le tipologie.</li></ul><ul><li>Il P10 richiede, volendo utilizzare con le tipologie previste, l’obbligo dell’estratto di mapparilasciato dall’Agenzia del Territorio </li></ul>
  • 6. <ul><li>Utilizzando un estratto di mappa autoallestito si produce un documento con le caratteristiche del P9 anche se si usa l’ultima versione del P10. </li></ul><ul><li>Il programma presenta questa doppia peculiarità. </li></ul><ul><li>Una delle particolarità che caratterizza ilP10 è, appunto, il nuovo estratto di mappa che fornisce più informazioni rispetto all’attuale cui fino ad oggi siamo abituati. </li></ul>
  • 7. <ul><li>Estratto di mappa che L’Agenzia del Territorio considera e lo presenta comePRODOTTOD’ ECCELLENZA </li></ul><ul><li>Queste informazioni sono contenute nel file emp.</li></ul><ul><li>Analizziamo velocemente queste nuove informazioni aggiuntivedell’estratto di mappa. </li></ul>
  • 8. <ul><li>le righe “T” identificano le informazioni alfabetiche. </li></ul>
  • 9. Le righe “L” rappresentanoi nodi delle linee nere tratteggiate identificate in mappa, carreggiate ecc.
  • 10. Contiene le informazioni delle ditte e i dati censuari delle particelle richieste
  • 11. Le informazioni delle coordinate dei PF d’impianto, PFCART,eil valore di distorsione della mappa
  • 12. <ul><li>Altra novità che contraddistingue la versioneP10 è la presenza della</li></ul><ul><li>RELAZIONE TECNICA STRUTTURATA </li></ul>
  • 13. Relazione tecnica strutturata
  • 14.  
  • 15. <ul><li>Da non confondersi con la classicaRelazione Tecnicafin qui redatta. </li></ul><ul><li>Analizziamo ora la doppia funzionalità della versione attuale di P10. </li></ul><ul><li>Cioè la capacità di operare come P9, con le codifiche previste, e l’operatività in modalità P10 con le tipologie ad oggi codificate. </li></ul><ul><li>Questa funzionalità si evidenzia attivando la</li></ul><ul><li>riga 9 </li></ul>
  • 16. Riga 9
  • 17.  
  • 18. <ul><li>Passiamo alla disamina delle singole tipologie che costituiscono l’elemento portante dell’approvazione automatica del P10 </li></ul>
  • 19. La (01) riguarda - TM - Conformità di mappa con conferma di numero di particella. Questa tipologia non contempla la produzione della proposta d’aggiornamento.
  • 20. La (02) - TM - Conformità di mappa con variazione del numero di particella
  • 21. La (03) - TM - Demolizione totale del fabbricato
  • 22. La (04) - TM - Demolizione parziale del fabbricato (corpo di fabbrica)
  • 23. La (05) - TM - Accorpamento del fabbricato alla corte
  • 24. La (06) - TM - Fusione di particelle edificate (qual. 282 / Fabbr. Rurali)
  • 25. La (07) - TM - Nuova costruzione sull' intera particella
  • 26. La (08) - TM - Nuova costruzione sup. < 20 mq
  • 27. La (09) - TM - Ampliamento in aderenza o non < 50% e < 20 mq relativo a fabbr.già in mappa (qual. 282)
  • 28. La (10) - TM - Ampliamento in aderenza < 50% su fabbr. in mappa > 20 mq
  • 29. La (11) - TM - Nuova costruzione su particella a sup. reale definito da Frazionamento a Circ.2/88
  • 30. La (12) - TM - Ampliamento fabbr. in mappa con ampliamento > 50%
  • 31. La (13/a) - TM - Inserim. nuovo fabbricato (con graffa o numero), sup. > 20 mq. Variazione numero
  • 32. La (13/b) - TM - Inserim. nuovo fabbricato (con graffa o numero), sup. > 20 mq. Conferma numero
  • 33. La 14) - TM - Inserim. nuovo fabbricato e scorporo di corte (stralcio di corte)
  • 34. <ul><li>Questa tipologia, leggendo la normativa contemplata per ilTIPO MAPPALE ,non conferisce alla particella residuale “AAA” la valenza prevista dal dal D.P.R. 650/72 </li></ul><ul><li>La particella “AAA”,così identificata, non consente, in base alle norme vigenti, atti traslativi per trasferimento della proprietà perché ilTIPO MAPPALEnon ha la valenza di frazionamento purdepositandolo in comune. </li></ul>
  • 35. La (15) - FR - Frazionamento dell' intera corte da un fabbricato con corte
  • 36. La (16/a) - FR - Frazionamento. Variazione identificativo originale
  • 37. La (16/b) - FR - Frazionamento. Conferma identificativo originale
  • 38. La (17) - TP - Tipo Particellare
  • 39. La (18) - TF - Tipo Frazionamento + Mappale
  • 40. La (20) - MC – Passaggiodi porzione di fabbricato rurale
  • 41. La (21) - MC – Passaggio di tutte le porzioni rurali
  • 42. La (22) - MC – Passaggio di tutte le porzioni rurali con variazione di numero
  • 43. La (23) - MC – Passaggio di tutte le porzioni rurali con variazione di numero e fusione di particelle
  • 44. La (24) - MC – Demolizione parziale di fabbricato
  • 45. La (25) - MC – Demolizione parziale di fabbricato con fusione di particelle
  • 46. La (26) - MC – Demolizione parziale di fabbricato con fusione di particelle + nuova costruzione inferiore a 20 mq
  • 47. La (27) - MC – Demolizione totale di fabbricato con fusione di particelle
  • 48. La (28) - MC – Demolizione totale di fabbricato con fusione di particelle + nuova costruzione inferiore a 20mq
  • 49. La (29) - MC – fusione di particelle + nuova costruzione inferiore a 20mq
  • 50. La (30) - MC – ampliamento in adesrenza + nuova costruzione inferiore a 20mq
  • 51. La (31) - MC – Fusione con ampliamento in aderenza
  • 52. La (32) - MC – Fusione con ampliamento in aderenza
  • 53. La (33) - MC – Fusione con ampliamento in aderenza
  • 54. La (34) - MC – Fusione con ampliamento in aderenza
  • 55. <ul><li>La nota 68702/2003 richiama: </li></ul><ul><li>I tipi mappali, con o senza stralcio di corte, si intendono quegli atti di aggiornamento che hanno la sola finalità di rappresentare nella mappa la sagoma dell’edificio e della eventuale corte annessa con il conseguente scorporo da particelle di maggior dimensione.</li></ul>
  • 56. <ul><li>Ogni tipologia diversa dalla precedente (rappresentazione di ulteriore geometria oltre a quella strettamente necessaria alla definizione della pianta dell’edificio e della eventuale corte annessa) rientra tra gli atti di aggiornamento misti. </li></ul>
  • 57. <ul><li>In questa tipologia rientra il caso di tipo mappale con stralcio di corte, solo quandoLA PARTE E IL PROFESSIONISTA REDATTOREvogliono fare assumere allo stesso anche la valenzadi frazionamento per la particella che resta in carico al catasto dei terreni</li></ul>
  • 58. Riassumendo: <ul><li>Il programma prevede la codifica dei Punti Ausiliari attraverso la codifica [P.A.] </li></ul><ul><li>Questa codifica “chiude” e rappresenta in linea verde il triangolo fiduciale che include l’oggetto del rilievo. </li></ul>
  • 59. <ul><li>Tutti i Punti Fiduciali ed oggetto d’inquadramento del rilievo devono essere contenuti all’interno dell’estratto di mappa. </li></ul><ul><li>L’eventuale assenza di uno dei Punti Fiduciali porta ad inibire l’approvazione automatica al contempo determina l’approvazione manuale dell’atto geometrico. </li></ul>
  • 60. <ul><li>In banca dati devono essere presenti le schede monografiche dei Punti Fiduciali interessati all’atto d’aggiornamento geometrico. </li></ul><ul><li>Bisogna dare atto della completezza della banca dati della Provincia di Rimini dovuta alla collaborazione tra il Collegio e l’Agenzia del Territorio Provinciale. </li></ul>
  • 61. <ul><li>L’estratto di mappa richiesto con le informazioni aggiuntive per il P10, presenziando nuove righe, come visto all’inizio della presentazione, non ne consente l’utilizzo nella modalità P9. </li></ul><ul><li>(righe con codifica “T, L” e le righe contenenti le INFORMAZIONI CENSUARIE ) </li></ul><ul><li>Questo porta, nel caso non si riesca a procedere con le tipologie codificate come P10, a dover richiedere all’ AdT ulteriore estratto di mappa rilasciato per la modalità P9. </li></ul>
  • 62. <ul><li>L’estratto di mappa, richiesto attraverso il portale “SISTER”,lo si ottiene mediante richiesta specifica nella finestra delle informazioni generali. </li></ul>
  • 63. <ul><li>Si segnalano, attualmente, alcuni limiti e gli accorgimenti da adottare: </li></ul><ul><li>1) In fase elaborativa GPS, in presenza di eccedenza al triangolo fiduciale del Punto Iniziale di Baseline, la procedura inibiscel’approvazione automatica. Si procede esportando il libretto, cancellandolo successivamente dal data base e reimportandolo con l’accortezza di spuntare il “Punto di Emanazione del Rilievo” prima di procedere ad una nuova elaborazione </li></ul>
  • 64. <ul><li>2) Caso di allineamenti e squadri : </li></ul><ul><li>In presenza di eccedenza degli squadri, così come prevista dalla circ. 2/88, nel caso di inibizione dell’approvazione automatica perché una prima elaborazione ne ha evidenziato la mancata rispondenza, si consiglia di procedere come indicato nel punto uno. </li></ul>
  • 65. <ul><li>3) Il malfunzionamento della Tipologia 15 e la Tipologia 17 </li></ul><ul><li>I problemi segnalati, comunque, sono all’esame per una soluzione definitiva. </li></ul>
  • 66. <ul><li>Si ringraziano i Colleghidell’attenzione fin qui dimostrata ……… </li></ul>
  • Fly UP
    loading...